Collaudi

Il nostro studio fornisce una gamma completa di servizi di collaudo e verifica sia degli impianti che delle strutture.

Ci sembra utile evidenziare alcuni dei servizi di collaudo maggiormente richiesti, che comunque non sono esaustivi delle nostre attività in tal senso:

  • Implementazione e gestione delle procedure di interrompibilità riservate ai grandi consumatori di energia elettrica
  • Collaudi del sistema protezione di interfaccia ai sensi della CEI 0-16 per impianti di produzione di energia connessi o da connettere alla rete di media tensione
  • Collaudi del sistema protezione di interfaccia ai sensi della CEI 0-21 per impianti di produzione di energia da connettere alla rete di bassa tensione
  • Adeguamenti impianti di produzione ai sensi delle delibere dell'Autority dell'Energia AEEG 84/2012/R/eel e 243/2013/R/eel
  • Collaudi e adeguamenti delle cabine di Media Tensione e redazione della DIDA (dichiarazione di adeguatezza)
  • Collaudi strutturali statici di fabbricati



cassetta prova rel` Collaudi SPI e SPG
In ambito energia rinnovabile è di fondamentale importanza il collaudo sul campo dei sistemi di protezione di interfaccia (SPI) degli impianti di produzione di energia (fotovoltaici, eolici, biomasse, idroelettrico ecc. ecc.).
questo tipo di collaudo è stato reso obbligatorio dalle ultime versioni delle norme CEI 0-21 e CEI 0-16, e peraltro veniva già richiesto da tutti i principali distributori (Enel, Acea, ecc.) a partire dall'estate 2012.
La mancata esecuzione del collaudo può essere causa del rifiuto del distributore di connettere l'impianto alla rete o della sospensione di incentivi da parte del GSE.


DIDA DIDA e CTS
Gli utenti connessi alla rete in Media Tensione, sia attivi che passivi, possono evitare di pagare una componente della bolletta elettrica, la cosiddetta CTS, adeguando le proprie cabine alla norma CEI 0-16, provvedendo a collaudare le nuove apparecchiature di protezione conformi alla CEI 0-16 e inviando la Dichiarazione di adeguatezza (DIDA) al distributore.
Questo significa che con una spesa piuttosto modesta si può eliminare una componente della bolletta elettrica in maniera permanente.




SPI MT Adeguamento A70
Tutti gli impianti di produzione di energia elettrica già in esercizio con potenza nominale superiore a 6kW, connessi alla rete sia in media tensione che in bassa tensione, devono adeguare il sistema di protezione di interfaccia alle prescrizioni dell'allegato A70 al codice di rete di Terna (delibere AEEG 84/2012/R/eel e 243/2013/R/eel).
Le modifiche impiantistiche necessarie e i vincoli temporali entro i quali adeguarsi variano a seconda del livello di tensione e della potenza degli impianti.
In alcuni casi è anche necessario il collaudo con cassetta prove relè del SPI modificato.


celle MT Interrompibilità
Una opportunità economica riservata ai grandi consumatori di energia è costituita dal servizio di "Interrompibilità".
L'interrompibilità è una metodologia praticata da Terna per gestire il bilanciamento istantaneo tra domanda ed offerta di energia elettrica in modo da prevenire malfunzionamenti della rete e black out.
In condizioni critiche Terna comanda a distanza il distacco dalla rete di alcuni clienti "nergivori" che hanno stipulato contratti in tal senso a fronte di un indennizzo economico.
Le indennità riconosciuti ai clienti energivori è sono costituite da un canone annuo e da un ulteriore indennizzo per ogni disconnessione effettuata.
Le condizioni economiche sono definite da un'asta al ribasso e dal rispetto degli obblighi contrattuali, anche in termini di interazione continua con Terna per la durata del contratto.
collaudo statico Collaudo statico
In ambito edilizio il collaudo statico ai sensi delle "Norme tecniche per le costruzioni" è necessario per tutte le parti strutturali delle opere che svolgono funzione portante e che interessano la sicurezza dell'opera medesima e la conseguente pubblica incolumità, indipendentemente dal sistema costruttivo e dai materiali impiegati.
Il collaudo statico di un edificio consiste in un attento e scrupoloso controllo della struttura con particolare attenzione agli elementi costitutivi di maggiore rilevanza dal punto di vista statico e da una verifica della struttura nel suo comportamento di insieme.